Isolamento passivo di macchinari ed impianti sensibili

Le macchine di precisione come ad esempio le rettifiche per cilindri, centri di lavoro ma anche macchine di misura a coordinate 3-D, microscopi o macchine di collaudo sono molto sensibili a vibrazioni che provengono dall’esterno e vengono sempre più installate in realtà produttive dove sono soggette a vibrazioni in alcuni casi anche di notevole entità.

I risultati delle misure dimostrano che semplici interventi di separazione delle fondazioni o tagli laterali del pavimento producono solamente modeste riduzioni delle vibrazioni trasmesse. Al contrario un isolamento passivo di tali macchinari garantisce ottimi risultati di abbattimento di vibrazioni. Generalmente la macchina viene installata su di un telaio in acciaio o su un plinto in calcestruzzo, in modo tale da garantirne la necessaria rigidezza. Queste fondazioni vengono poi montate su antivibranti GERB piuttosto cedevoli, combinati con smorzatori viscosi. La fondazione sospesa viene di solito integrata nello stabilimento sotto il livello del pavimento.

Nel caso dovesse essere richiesto un grado d’isolamento estremamente elevato, si consiglia di realizzare preventivamente delle misure vibrazionali nel sito di istallazione del macchinario in corrispondenza del funzionamento delle varie sorgenti di vibrazione presenti nello stabilimento. Sulla base di tali misure è possibile offrire un sistema di sospensione elastica che garantisca un abbattimento ottimale delle vibrazioni.